martedì 5 novembre 2013

Mavericks

Creare un nuovo capo è sempre molto intrigante. Pensi a come organizzarlo, alla tecnica più idonea da usare, a come renderlo più facilmente fruibile e al tempo stesso gradevole. 
Da un po' di tempo penso anche al nome da dargli. 
Ci sono alcuni nomi che ti vengono così, solo guardandolo il capo ... per esempio "Abbraccio" è venuto fuori molto spontaneamente, non tanto perché è un maglione per mio figlio, ma per la sua forma, con le maniche che sono un tutt'uno con le spalle e che si aprono come in un abbraccio, lo stesso è stato per "Bosco invernale", in cui l'alternarsi dei colori mi ricorda il marrone scuro dei tronchi degli alberi che s'intravvedono sotto una neve non fresca.
Adesso sto lavorando ad un altro maglione per mio figlio. E' un lavoro impegnativo per me, perché sto provando a fare un maglione top-down tutto da sola, senza avere un modello da seguire. Per fortuna la rete offre tantissimi aiuti ed a me è stato utilissimo lo schema di Ekeloa "Maglione raglan top down"
(https://docs.google.com/file/d/0B9uCXG591LSFYmI2OWFlOGEtZjVkYi00ZDE3LWI4NzUtNGRhZWQ1N2YyZTdi/edit?usp=sharing&authkey=CITU8pcJ .
Grazie alle sue indicazioni per i calcoli, sto riuscendo a ricavare un maglione che secondo me (o almeno mi auguro!) dovrebbe rispettare le misure necessarie, che, tra l'altro, non ho modo di verificare, perché mio figlio non vive con me!

Ma torniamo al nome. 
Questo si chiamerà "Mavericks". E' lo stesso nome dell'ultimo sistema operativo Apple (i fan come me mi capiranno!), lanciato negli stessi giorni in cui iniziavo il mio lavoro e questo mi è sembrato di buon auspicio! E poi ho scelto una lavorazione che richiama molto le onde e anche questo crea un legame sia alla località di Mavericks che al suo nome tecnologico.
Ecco come procede:

Il colore è grigio topo, anche se la macchina fotografica lo "vede" con una predominanza azzurra.

L'ho finito abbastanza in tempo, prima di Natale, così che mio figlio possa averlo per le vacanze.



Il risultato è ottimo: veste bene e anche le misure sono risultate giuste. Ho dovuto modificare solo la lunghezza, perché era un po' troppo.

Purtroppo non ho avuto modo di fare altre foto, ma credo che questa renda bene il risultato finale.


giovedì 31 ottobre 2013

English translation of the instructions for the T-shirt Denise / traduzione in inglese delle istruzioni per la Maglietta Denise



PULL DENISE  (traduzione di Clotopolde http://www.ravelry.com/people/clotopolde)


The pattern is very flexible and you can easily shape it for your own size by increasing or decreasing the number of stitches on each row.
Instructions follow :

Abbreviation:
st = stitch
R = row
M1 = Marker for beginning of row
M = Marker
K = knit
P = purl
yo = yarn over
k2t = knit 2 together

Materials (S/M size) :
250 gr of TIRRENO yarn from Lane Borgosesia (50 gr = 125 m) col. n. 824 
Circular needle 3,5mm
5 markers

Gauge 10x10 cm = 20st x 32r

Cast on 144 st on the circular needle and join in a round being careful not to twist the stitches. Mark the beginning of the round with a stitch marker (M1).

1st R: Work in stockinette stitch. Insert the markers as follows: 30 st, M, 2 st, M, 80 st, M, 2 st, M, 30 st. 
Stitches are as follows: 60 st for the back, 2 st for the 1st sleeve, 80 st for the front, 2 st for the 2nd sleeve.

R 2 - 3 - 4 - 5 - 6: Work in stockinette stitch, increasing 1 st before and after the 2 st between the Ms.
[Explanation : * knit to M, make 1, slip M, knit 2st, slip M, make 1*, repeat from *, then knit to end of row (M1)]

 R 7: Begin short rows on the front. Work as before until 2 st before 3rd M, turn and purl until 2 st before 2nd M, turn and knit until 3 st before 3rd M, turn and purl until 3 st before 2nd M, turn and knit to end of round, making all the usual increases for the sleeves.

R 8 - 9 - 10 - 11 -12: as row 7.

R 13: Work in stockinette stitch, making the usual increases.

R 14: Work in stockinette stitch, at the same time place the 1st and 2nd  M so as to have 4 st in between, and consequently, make all your increases inside the markers. Do the same for 3rd and 4th M.

R 15 - 16 - 17 - 18: Work in stockinette stitch, making the usual increases.

R 19 : Short rows again. Work as before until 1 st before 3rd M, turn and purl until 1 st before 2nd M, turn and knit to end of round, making all the usual increases for the sleeves.

R 20 - 21 - 22 - 23 - 24: as row 19.

R 25 and following: Work in stockinette stitch, making the usual increases. When you reach a number of 50 st between the M, make the increases every other row. When you reach a number of 60 st between the M, put those 60 st on a stitch-holder (or on loose yarn), do the same for the second sleeve.

Next row, when reaching the 1st M : cast on 3 st, skip the 60 st on the stitch-holder, join after the 2nd M, knit until 3rd M, repeat (cast on 3 st, skip 60 st), knit until end of round.

Keep working in stockinette stitch for 20 rows.

Start knitting the 12 cables on 192 st. [see cable instructions]

Repeat 5 times the cable pattern.

Work 10 rows in garter stitch and cast off.

Pick-up the sleeve stitches and work 6 rows in garter stitch, cast off.

[Cable :
(Number of stitches is a multiple of 16)
·      R1 - *k 8, p 8, repeat from * till end of round
·      R2 and all even rows: * k 8, p 8, repeat from * till end of round
·      R3 -  *place 4 st on a stitch-holder in front, k 4, k the 4 st from the stitch-holder, p 8, repeat from *
·      R5 - 7 - 9 - 11 - 13:  *k 1, k2t, yo, k 2 st right-crossed (knit the 2nd stitch on the left needle without slipping it, knit the 1st stitch you just skipped, slip the 2 stitches) yo, k2t, k 1, p 8, repeat.
Start R1 again]

That’s it !
Good luck to those of you who want to have a try!

Word of advice: the amount of yarn was hardly enough for me, so if you want to make the garment a little wider or longer, you might need an extra ball!

mercoledì 23 ottobre 2013

Traduction en français des instructions pour t-shirts "Denise" /Traduzione in francese delle istruzioni per la maglietta "Denise"



PULL "DENISE" (traduzione di Clotopolde http://www.ravelry.com/people/clotopolde)

Le modèle est très polyvalent, car vous pouvez
facilement adapter le patron à votre taille : par
exemple, s'il est nécessaire d'augmenter la
circonférence des hanches, vous pouvez ajouter des
augmentations latérales. Pour ceux qui veulent
essayer de tricoter le pull « Maglietta Denise » voici
les instructions :
Légende:
m = maille
R = rang
M1 = anneau marqueur qui marque le début du rang.
M = Anneau Marqueur
J = jeté
2m ens end = 2 mailles ensemble endroit
Matériel (Taille S / M) :
250 grammes de fil TIRRENO de Lane Borgosesia
(50 gr = 125 m) col. n. 824
Aiguille circulaire 3,5mm
5 anneaux marqueurs
Jauge 10x10 cm = 20m x 32r
Avec l'aiguille circulaire monter 144 m et joindre pour tricoter en rond en prenant garde de ne pas
tordre l’ouvrage. Insérer un anneau marqueur (M1) pour marquer le début du rang.
1er R. Travailler en jersey endroit. Placer les anneaux marqueurs comme suit : 30 m, M, 2 m, M, 80 m,
M, 2 m, M, 30 m.
Les mailles sont réparties comme suit: 60 m pour le dos, 2 m pour la 1è manche, 80 m pour le devant,
2 m pour la 2de manche.
R 2 - 3 - 4 - 5 – 6 : Travailler en jersey endroit, en réalisant des augmentations de part et dautre des 2
m entre les M.
[C'est-à-dire : * tricoter jusqu’à 1 m avant le M, faire une augmentation, passer le M, tricoter 2 m,
passer le M, faire une augmentation*, répéter entre *et*, puis tricoter jusqu’à la fin du rang (M1).]
R 7 : Début des rangs aller/retour sur le devant. Travailler comme précédemment jusqu'à deux mailles
avant le troisième M, tourner l’ouvrage et tricoter envers jusqu'à 2 m avant le second M, tourner et
tricoter endroit jusqu'à 3 m avant le troisième M, tourner et tricoter envers jusqu'à trois mailles avant le
second M, tournez et tricotez endroit, poursuivez le rang jusqu’à la fin (circulaire) tout en faisant les
augmentations habituelles pour les manches.
Remarque : Pour un fini plus propre, à chaque fois que vous tournez le travail procédez ainsi :
« tricotez jusqu’à la dernière maille indiquée, passez le fil autour de la maille suivante, sans la tricoter,
puis tournez le travail et tricotez » Quand, au rang suivant, vous travaillerez ces mailles, tricotez la
maille ET le fil qui l’entoure ensemble. Cela évitera des jours dans l’ouvrage.
R 8 - 9 - 10 - 11 – 12R : comme rang 7.
R 13 : travailler normalement, en faisant les augmentations nécessaires.
R 14 : travailler normalement, déplacer le premier et le second M afin d'avoir 4m entre les deux
marqueurs et par conséquent, faire les augmentations à l'intérieur des M. Même chose pour le 3è et 4è
M.
R 15 - 16 - 17 – 18 : travailler normalement, en faisant les augmentations nécessaires.
R 19 : reprise des rangs raccourcis. Travailler normalement jusqu'à 1 m avant le troisième M, tourner
et tricoter envers jusqu’à une maille avant le second M, tourner et tricoter endroit jusqu’au bout du
rang, en faisant les augmentations habituelles.
R 20 - 21 - 22 - 23 – 24 : comme le rang 19.
R 25 et suivants : travailler normalement. Lorsque le travail atteint 50 m pour les manches, faites les
augmentations un rang sur deux. Lorsque le travail atteint 60 m pour les manches, enfilez ces 60 m sur
un arrête-mailles (ou sur un fil de laine), faites de même pour la seconde manche.
Au rang suivant, quand vous arrivez au premier marqueur, montez 3 m, sautez les 60 m qui ont été
posées sur l’arrête-maille, reprenez après le second marqueur, continuez à tricoter jusqu’au troisième
marqueur et faites de même (monter 3 m, sauter 60 m), tricotez jusqu’à la fin du rang.
Continuer à travailler en jersey endroit pendant 20 rangs.
Commencez les 12 torsades, réparties sur 192 mailles. [voir instructions torsades]
Répétez 5 fois le motif de torsade.
Tricotez 10 rangs au point mousse et rabattez.
Reprenez les mailles de chaque manche et tricotez 6 rangs au point mousse, puis rabattez.
[Torsades :
(Nombre de mailles multiple de 16)
R1 - *8 m endroit, 8 m envers*, répétez de * à * jusqu’à la fin du rang
R2 et tous les rangs pairs : *8 m envers, 8 m endroit*, répétez.
R3 - *placer 4 m. sur un arrête-maille devant l'ouvrage, 4 m endroit, reprenez les 4 m de l’arrêtemaille
et tricotez-les à l’endroit, 8 m envers*, répétez.
R5 - 7 - 9 - 11 - 13: *1 m end, 2 m. ens end, 1 jeté, 2 m croisées droite (tricotez la seconde maille sur
l’aiguille de gauche, sans la lâcher, puis tricotez la première maille que vous avec sautée, lâchez les
deux mailles) 1 jeté, 2 m ens end, 1 m end, 8 m envers*, répétez.
R15 – comme le R1.]
C'est tout!
Bonne chance à ceux qui veulent y parvenir!
Une recommandation : pour moi la quantité de fil était tout juste suffisante, donc si vous voulez faire
un peu plus large ou plus long, vous aurez besoin d'une pelote en plus!

lunedì 21 ottobre 2013

Aspettando l'inverno

Tra un maglione e l'altro, ho fatto anche qualche sciarpa, così il freddo non si farà sentire molto!

"Bosco invernale"



E' uno scialle /sciarpa modello wingspan, fatto in calda lana Kauni, lana nordica poco trattata, che mantiene intatte così le sue migliori caratteristiche.
Le sfumature, dal marrone scuro al beige chiarissimo, mi ricordano le prime nevicate in un bosco, dove tra la neve s'intravvede il colore scuro dei tronchi.


E, a proposito di neve, ecco l'altra sciarpa, "Prima neve":



E' uno scaldacollo molto morbido, fatto con la lana Ecological Wool di Cascade Yarn, in una tinta naturale.
Girata due volte intorno al collo, diventa veramente una barriera antifreddo!

E per ultima, lo sfizio: una sciarpina in filato sintetico, che mi piace perché riproduce i colori del bosco autunnale.
Anche questa è un cachecol molto comodo.

sabato 19 ottobre 2013

Un "Abbraccio" per il mio ragazzo ...

Eccolo qua, finalmente finito, il maglione per mio figlio!

L'ho rifatto tre volte!
La prima volta era tutto a costa inglese (lavorazione che a me piace molto, sopratutto se si usano due colori). Era venuto veramente bello, perfetto nelle misure. Avevo alternato in modo diverso i colori tra le maniche e il corpetto e l'effetto era veramente gradevole. Purtroppo non ho pensato a farne qualche foto, anche perché non immaginavo quello che sarebbe successo.
Non sapevo che se si lavora la costa inglese, bisogna farlo con i ferri più sottili di quelli previsti per un determinato tipo di lana e fare un modello almeno di una taglia più piccolo, perché poi la maglia cede! L'ho imparato a mie spese!
Ho lavato il capo, come faccio sempre, e steso con tutte le attenzioni: e ho cominciato a vederlo strano! Quando poi si è asciugato, ho visto che era diventato almeno di tre taglie più grande!

A malincuore l'ho scucito e ho cercato di inventarmi un modello che potesse avere una sua originalità nell'essere bicolore.

Ho utilizzato la tecnica del bottom up, non quella canonica però (vedi la spiegazione su Maglia e uncinetto.it http://www.maglia-uncinetto.it/2012/dallalto-o-dal-basso-ma-senza-cuciture/ ).
Il corpetto è lavorato in tondo, con i ferri circolari, ovviamente, per avere la possibilità di alternare un giro di colore alla volta. Dal giro manica si passa a lavorare in piano, alternando due giri a diritto e due giri a rovescio, in modo che il colore più scuro risalti di più del chiaro. Insieme si costruiscono le maniche, aggiungendo le maglie man mano che la lavorazione procede. Davanti e dietro si lavorano allo stesso modo, creando la scollatura più ampia sul davanti. Quindi si chiudono tutte le maglie all'altezza delle spalle, partendo dal capo di una manica fino all'altra. Per ultimi si lavorano i polsini.

 Credo che dalle foto si veda abbastanza bene la tecnica. Ho cercato di evitare la doppia cucitura sulle maniche, perciò quando ho fatto il davanti, ho ripreso le maglie di aumento già fatte sul dietro; in questo modo il lavoro è venuto più regolare.



La lana che ho utilizzato mi ha soddisfatto davvero. E' "Champagne" di Grignasco (lana e seta), morbida al tatto e piacevolissima da indossare. Molto resistente, non crea problemi durante la lavorazione.











In conclusione, non so se mio figlio lo indosserà con lo stesso piacere che ho provato io nel lavorarlo, ma quando lo farà, spero sentirà il mio "Abbraccio"!

martedì 27 agosto 2013

Maglietta "Denise"

Ecco realizzato il modello che avevo in mente da quando ho avuto la fortuna di trovare il filato che ho usato, un filato molto morbido, che poteva dar forma alla mia idea di qualcosa di drappeggiato.
E' lo stesso che ho usato per la canotta "Maritè" e quando ne ho visto il risultato, mi sono precipitata al mercatino, a comprare tutto quello che era rimasto di quel filato: ben poco però, ma per fortuna son riuscita a realizzare qualcosa!
Ho iniziato a lavorarlo e a fare prove su prove, perché i possibili modelli che avevo trovato non rispondevano esattamente a ciò che avevo in mente.
Ora son contenta del risultato! Non è la prima volta che creo un modello, ma questo mi soddisfa molto di più, perché è complesso e unisce insieme la tecnica top-down e quella dei ferri accorciati.

Con le immagini cerco di raccontare le varie fasi:
Qui siamo all'inizio, con i primi giri a ferri accorciati: l'effetto è ben visibile già da adesso.
In questa fase l'effetto dei ferri accorciati è ben visibile. Ho già separato le maniche e devo decidere su come proseguire dandogli una forma gradevole.
Il drappeggio del davanti sembra molto ricco, ma, indossata, è mitigato dal seno. L'aggiunta delle trecce traforate mi ha permesso di dare una forma più snella e nello stesso tempo più estiva. 



L'insieme mi piace! Ora passiamo alle maniche! Purtroppo ho pochissimo filo, devo per forza farle molto corte!


Ed ecco "Denise"!
Perché le ho dato il nome "Denise"?
Perché intanto che la stavo realizzando ho conosciuto una Denise molto speciale, tanto che ho deciso di regalargliela!













Il modello è molto versatile, perché si può intervenire per adattarlo bene alle proprie necessità: ad esempio, se è necessario aumentarne la circonferenza sui fianchi, si possono inserire degli aumenti laterali e poi in corrispondenza delle fasce a maglia rovescio che scendono dai lati.

Per chi vuole provare a realizzarla, ecco la spiegazione:

Legenda:
Mf = marcapunto che segna l'inizio del nuovo giro.
M = marcapunto
        gett. = gettato
        acc. sempl. = accavallata semplice


Occorrente (TAGLIA S/M)
250 gr di filato TIRRENO di Lane Borgosesia (gr. 50 = 125 m) col. n. 824 
ferri n.3,5
5 marcapunto

Campione 10x10 cm = 20m x 32f

Con i ferri circolari avviare 144 maglie e chiudere il giro, inserendo un Mf per segnare l'inizio del giro.



        1f. Lavorare sempre a diritto. 30 m, inserire M, 2 m, inserire M, 80 m, inserire M, 2 m, inserire M, 30 m. 
Le maglie vengono così suddivise: 60 m per il dietro, 2 m per la manica, 80 per il davanti, 2 m per la manica.

2 - 3 - 4 - 5 - 6 f. lavorare sempre a diritto eseguendo gli aumenti prima e dopo le 2 m tra i M.

7f. Iniziare il lavoro a ferri accorciati solo sul davanti. Lavorare come sopra fino a due maglie prima del terzo M, girare e lavorare a rovescio fino a due maglie prima del secondo M, girare e lavorare a diritto fino a 3m prima del terzo M, girare e lavorare a rovescio fino a tre maglie prima del secondo M, girare e lavorare a diritto tutto il giro facendo gli aumenti usuali per le maniche. Quando si gira per tornare indietro agganciare il filo alla maglia precedente; quando poi si lavora il ferro intero, lavorare anche il "gancio" con la maglia interessata.

8 - 9 - 10 - 11- 12f. come il 7.

13f - lavorare normalmente, facendo gli aumenti necessari.

14f - lavorare normalmente; spostare il primo e il secondo M in modo da avere 4m tra questi e fare gli aumenti all'interno dei M.

15 - 16 - 17 - 18f. lavorare normalmente, facendo gli aumenti necessari.

19f  Riprendere a lavorare a ferri accorciati. Lavorare a diritto fino ad 1 m prima del terzo M, girare e lavorare a rovescio fino ad una maglia prima del secondo M, girare e lavorare a diritto completando il giro, facendo gli usuali aumenti.

20 - 21 - 22- 23 - 24f. come il 19.

25f e successivi: lavorare normalmente. Quando si raggiunge il numero di 50 maglie per le maniche, fare gli aumenti a ferri alternati. Arrivati a 60 m, staccarle dal resto del lavoro passandole su un filo d'attesa.

Al ferro successivo aumentare 3 m dove si sono staccate le m per le maniche.

Proseguire la lavorazione a maglia rasata per altri 20f.

Iniziare il lavoro a trecce traforate realizzando 12 trecce sulle 192 maglie totali.

Ripetere per cinque volte il motivo a trecce.

Fare quindi 10 ferri a punto legaccio e chiudere il lavoro.

Riprendere le maglie di ogni manica e fare 6 ferri a punto legaccio, quindi chiudere.

Punto treccia traforata.

Numero di maglie multiplo di 16.
F1 - 8 dir., 8 rov.
F2 e tutti i ferri pari : 8 rov., 8 dir.
F3 - mettere 4 m. sul ferro ausiliario posto davanti al lavoro, 4 dir. lavorare a dir. le m. sospese, 8 rov.
F5 - 7 - 9 - 11 - 13 : 1 dir, 2 m. insieme a dir. 1 gett. 2 m incrociate a dir ( lavorare la 2^ m. prendendola dietro, lavorare la 1^ m. e sfilare le 2 m dal ferro di sinistra ) 1 gett. 1 acc. sempl. 1 dir. 8 rov.
F15 -  riprendere dal 1F.

Tutto qui!
In bocca al lupo a chi vorrà realizzarla!


Una raccomandazione: a me il filo è bastato appena, perciò se la si vuol fare un po' più larga o più lunga, occorre un gomitolo in più!



traduction en français (traduzione di Clotopolde http://www.ravelry.com/people/clotopolde)
english translation (traduzione di Clotopolde http://www.ravelry.com/people/clotopolde)

sabato 3 agosto 2013

Partecipare ad un KAL

Aver scoperto la tecnica top-down è stato per me conoscere un filone veramente interessante della maglia.  E' una tecnica che permette di fare dei bei capi veramente su misura e che sicuramente utilizzerò ancora.

Ho poi scoperto su Facebook il gruppo "Top-down in italiano", al quale mi sono iscritta.
E' un gruppo molto attivo e con persone creative e competenti: una miniera d'oro per me!

Mi è capitato così di poter partecipare ad un KAL del gruppo: "Maritè ... una canotta per ferragosto". Si è rivelato subito l'occasione buona per fare un regalino ad una cara e giovanissima amica.
Ho avuto anche la fortuna di trovare un filato adatto e di un bel colore. E' viscosa, delle Lane Borgosesia, ma ha una morbidezza e una scorrevolezza nel lavoro che lo rendono veramente piacevole.
Ecco qua il risultato:
In fase di lavorazione

Dopo averla lavata e messa in forma







Indossata!

lunedì 15 luglio 2013

Ricordi

Come dicevo nei post precedenti, la voglia di sferruzzare mi ha fatto compagnia spesso nel corso dei miei tanti anni.
Mi dispiace che molti dei bei lavori fatti in passato oggi non li ho più e non ricordo nemmeno dove sono finiti.

L'estate scorsa ho ritrovato un capo in cotone che avevo lasciato a metà. Era un completo composto da canotta e giacchetta. La canotta l'avevo usata e consumata, la giacca mi era rimasta lì a metà e non sapevo più come continuare. 

Ho scucito tutto e ho recuperato il cotone (avrà avuto circa quarant'anni!). Un bel cotone, misto a seta, credo, perché ha un effetto lucido ed è morbido. Anche il colore non mi dispiaceva: un verde acqua tenue, che nelle foto purtroppo non si vede bene.
Quindi ho realizzato questa maglia a manica lunga: un capo abbastanza semplice.


















Insieme al cotone, su un vecchio foglio di quaderno, ho trovato la spiegazione del punto: copiato sicuramente da una rivista di mia madre, che, gelosa com'era dei suoi giornali, non avrà voluto prestarmelo e mi avrà costretta a copiare le spiegazioni. Sì, copiare a mano: non una fotocopia della pagina, no, l'essenziale: il punto e qualcosa d'importante sull'esecuzione!

Era maniacale mia madre con le sue preziose riviste, tutte in ordine, tutte ben tenute: guai a stropicciarle o a maltrattarle! Io non ho mai avuto la mania dell'ordine, ma mi accorgo che dei miei giornali sono anch'io abbastanza gelosa. Oggi c'è internet che mi fornisce tante idee e tante spiegazioni: le pagine che salvo sono sempre in disordine e ritrovare qualcosa è un'impresa; però ogni volta che cerco qualcosa m'imbatto in tante altre pagine che non ricordavo più di avere salvato ed è sempre una scoperta piacevole, tanto che il più delle volte dimentico qual era l'oggetto della mia ricerca!

Eppure come vorrei poter sfogliare ancora le riviste di mia madre e insieme ad esse ritrovare qualcosa della sua voce, dei suoi brontolii, delle sue sgridate, toccare quelle pagine che lei maneggiava con tanta attenzione!
Come vorrei poter mostrare a lei i miei lavori e aspettare con ansia che finisse di enumerare i miei errori: aveva la mania della perfezione e ti distruggeva con un giudizio ciò che facevi se solo trovava un piccolo errore!



Il punto usato lo riporto qui, se può servire.

martedì 9 luglio 2013

Le maglie estive: top-down!

Ecco la mia ultima produzione.
Ho scoperto la tecnica top down, che mi entusiasma tanto e ho fatto tre magliette per impararla.
Questa è la prima.

Ho eseguito fedelmente il modello http://www.maglia-uncinetto.it/2012/modello-maglietta-ambiente-di-astrid-schramm/ ,  chiarissimo nella spiegazione e anche nelle misure.
Ecco alcuni particolari:






Questa rossa è una variazione dello stesso modello; ho fatto un motivo traforato nella parte bassa, dalla vita in giù circa, ripetendolo sulle maniche.






Infine ho realizzato il modello "Gemini" (http://www.ravelry.com/patterns/library/gemini-3), fatto con il filato Katia Linen.
La spiegazione non è molto chiara; io me la sono cavata perché  avevo realizzato prima l'altro modello e quindi mi era chiara la tecnica.
Ho anche dovuto apportare modifiche alle maniche, perchè risultavano troppo larghe e non mi piaceva l'effetto una volta indossata.




 




domenica 7 luglio 2013

Con il gomitolo che avanza


Usare la lana KidSilk Haze Stripe dei Rowan mi era piaciuto proprio tanto e dalla giacca circolare mi era avanzato un gomitolo, quindi, dato che è una lana che rende tanto, mi sarebbe bastato comprarne un altro per realizzare un bel maglione! Ma avevo fatto i conti senza l'oste! Il mio colore era finito! Quindi dovevo decidere: o mescolarlo ad un altro colore o non fare un maglione e attendere l'ispirazione per fare altro.

La decisione ovviamente fu di tentare di accostarvi un altro colore, senza "rompere" eccessivamente l'equilibrio delle diverse sfumature.


Con il colore aggiunto ho fatto solo uno zigzag laterale, sul davanti, che prende anche parte della spalla, il collo e i polsini.
Come si vede ho ripetuto la tecnica delle maniche lavorate insieme alle spalle, in orizzontale: questo crea un bell'effetto se si usano più colori.
Mi piace molto e poi a me sta particolarmente bene.



Mi sembra che l'insieme sia gradevole!

















E fa completo con la giacca!