Sempre più difficile!!!!



Dopo la giacca circolare mi sono sentita "in forma": adesso ero in grado di affrontare prove più difficili. Ed ecco cimentarmi in quella che ritengo essere la mia performance migliore e anche veramente più ardua.
Sulla rivista della lana Rowan vidi il modello Vence, di Lisa Richardson, che mi colpì subito; eccolo: http://www.knitrowan.com/designs-and-patterns/patterns/vence.  Bello, vero?
Ma non riuscivo a trovarne il pattern: on-line non era acquistabile; c'era solo sul Magazine, che trovai pure nei negozi on-line, ma mi dispiacque acquistarlo, perché con le spese di spedizione il prezzo raddoppiava.
La voglia di farlo era tanta! Mi misi a studiare attentamente la foto (unica!): innanzitutto avevo bisogno di capire il punto, poi l'esecuzione.






Telefonai al "mio" negozio, Unfilodi, e con l'aiuto di Gisella riuscii  a trovare un tipo di lana e dei colori per me soddisfacenti, visto che le lane Rowan del modello non erano disponibili in negozio.






Optai per la lana Mousse della Grignasco: soia, lana vergine e seta; un mix favoloso, che si lavora piacevolmente e ha un'ottima resa!


Il maglione è lavorato dal basso, tutto intero, con i ferri circolari. Lungo tutto il corpetto sono distribuite le diminuzioni, che lo adattano così alla mia figura. Le maniche e le spalle sono lavorate insieme, come si vede nella foto.



Purtroppo alle maniche ho dovuto eseguire la cucitura sia sopra che sotto, perché il lavoro a zigzag non permette di fare insieme il davanti e il dietro, Comunque la cucitura superiore è decorativa e perfeziona la successione delle righe.

Ho modificato la scollatura, perché non mi piaceva quella del modello e anche perché il mio è un maglioncino di "mezza stagione", dato il tipo di lana.

Io mi ritengo soddisfatta della mia realizzazione, soprattutto quando la indosso! Che ne pensate?